UN APPROCCIO ESPERIENZIALE  ALL’APPRENDIMENTO  

“Ciò che si è amato da bambini resterà nel cuore fino in età adulta.”   (K.G.)

 

 

Scarica il documento completo del progetto oppure scopri di più sulla filosofia PachaMama!

 

E’ evidente come oggi giorno i nostri bambini trascorrano la maggior parte del loro tempo in ambienti “indoor”, dentro.

Il paragone tra come stanno crescendo, giocando, sperimentando ed apprendendo rispetto a qualche decennio fa è lampante: ai nostri bambini manca il contatto con il Fuori.

Il fuori come Natura  ma anche come Libertà di scegliere ed esplorare, come Occasione d’incontro con l’altro da sé, come Possibilità di esercitare un’attività motoria articolata e spontanea. Come possibilità quindi di sviluppare corpo e mente in modo armonioso e poter costruire strumenti psicologici adeguati ad affrontare e vivere la complessità del mondo contemporaneo.

“Lo stare “Fuori” favorisce una “psicomotricità naturale” la quale, inutile dirlo, sollecita il corpo e contemporaneamente il pensiero. L’apprendere in natura offre un’esperienza integrale e non frammentata, con enormi possibilità di connettere i saperi.”

 

I bambini sono esseri attivi e per loro natura hanno un istinto al movimento molto forte.

Il muoversi è naturalmente connesso e indispensabile all’apprendimento ma, ancor più importante, alla Salute Generale dei bambini, come confermano le ultime ricerche in campo di neuroscienze.

Allora dopo anni di lavoro in campo di educazione outdoor (Fuori) ci è sembrato davvero naturale proporre alle scuole un progetto di educazione all’Aria Aperta che si avvicina con sensibilità e attenzione ai bisogni contemporanei dell’infanzia, in accordo con i programmi ministeriali, in armonia con i desideri delle famiglie e le necessità delle insegnanti, in un’ottica quindi di Sinergia Pedagogica.

Una Testa Ben Fatta è meglio di una testa ben piena

Accumulare informazioni non significa produrre conoscenza: la conoscenza è fatta come una ragnatela, si costruisce sul principio delle connessioni e relazioni tra le parti.

“Questo tipo di conoscenza si produce imparando a conoscere, attraverso un’attitudine generale a porre domande e trattare problemi, che permetterà di collegare i saperi e dar loro un senso. Questa attitudine non è nient’altro che la nostra naturale Curiosità che troppo spesso la scuola spegne. Curiosità e Dubbio sono strumenti di conoscenza potentissimi: abbiamo il compito di spronare, incoraggiare, orientare quest’attitudine indagatrice che possediamo fin dalla nascita. L’educazione deve favorire l’attitudine generale della mente a porre e risolvere problemi … stimolando l’intelligenza generale. Lo sviluppo delle attitudini generali della mente permette ancor meglio lo sviluppo delle competenze particolari e specializzate. Più potente è l’intelligenza generale, più grande è la sua facoltà di trattare problemi speciali”

(La Testa Ben Fatta, Riforma dell’insegnamento e riforma del pensiero, E. Morin ,1999

 

Scarica il documento completo del progetto oppure scopri di più sulla filosofia PachaMama!

Condividi